Romanzo

Un posto chiamato Qui

Buongiorno Lettori,

Come state? In questo periodo ho avuto maggior tempo da dedicare alla lettura, e infatti ho fresca fresca una recensione da proporvi. Questo libro credo sia prettamente per gusti femminile…ma non è detto!! Anzi ora che ci sono, mi è appena balenata l’idea che forse anche gli uomini possano trovare gradevole la lettura di un romanzo. Quindi maschietti che siete dall’altra parte del monitor, chiedo direttamente a voi, “avete mai letto un romanzo d’amore?”. Ma presumo di si, considerando il fatto che ci sono tantissimi autori maschili che scrivono divinamente..

L’autrice del libro non è nuova alle mie recensioni, Cecelia Ahern ha scritto diversi libri, tra cui Se tu mi vedessi ora.. che trovate su questo blog, ma il suo trionfo parte dall’esordio di P.S. I love You all’età di 21 anni, ottenendo uno straordinario successo letterario.

Un posto chiamato Qui è il racconto di un anima perduta alla ricerca di se stessa, Sandy è la protagonista.

I bambini sono aperti al mondo quando sono abbastanza piccoli e tutto quello che la vita può farci vivere, lascia dentro di noi cicatrici profonde come solchi, che automaticamente causano delle reazioni e attitudini alla vita malsane.

Un posto chiamato Qui.Quando Sandy era alle elementari, una sua compagna di scuola scomparve, non si trovava più e non nessuno era in grado di capire se fosse morta o rapita. Sandy è convinta che la colpa fosse solo sua, considerando il fatto un giorno pregò il buon Dio affinché sparisse dalla circolazione. Janny-May era una bambina strafottente e antipatica il cui unico intento pare fosse quello di rendere la vita difficile a Sandy, non passava occasione in cui ella non la attaccasse. E mentre tutti erano profondamente disperati, Sandy prova un meraviglioso sollievo, anche se dentro di sé, qualcosa si rompe.

Inizia a sentirsi in colpa e a covare l’ansia di perdere qualunque cosa di suo possesso, facendo emergere un ossessione compulsiva, che causa disperazione e frustrazione davanti agli occhi sgomenti dei suoi genitori. Non c’è più pace in casa, ogni giorno sembra ci sia in corso una caccia al tesoro, Sandy è presa dal panico ogni volta che un calzino non ritorna al suo posto, una penna o altro sparisce nel nulla.

I genitori cercano di recuperare la situazione mandando Sandy da un terapeuta, Gregory Burton, che prende subito a cuore il suo caso. Gregory è bello, giovane e affascinante e entrambi sono attratti, nel corso degli anni nasce qualcosa tra di loro, ma l’ossessione di Sandy è ancora presente nella sua vita, rendendo la vita difficile anche a chi si avvicina. L’ossessione che in essa abita, porta  Sandy a isolarsi dagli affetti e a vivere in perenne fuga da se stessa e dagli altri.

Decide in età adulta di dedicarsi alla professione di ricercatrice di persone scomparse, ed è proprio mentre sta andando ad appuntamento con un famigliare di un ragazzo scomparso, che Sandy si smarrisce e non riesce a ritrovare la via. Si ritrova in un luogo magico e al tempo stesso molto reale, un posto chiamato Qui. Un posto dove le cose e le persone scomparse vi hanno accesso, ma anche le sensazioni, gli odori, le risate e le voci dimenticati. Un mondo parallelo le si apre davanti, per tanto tempo aveva cercato persone e cose, ed ecco davanti a lei tutte le risposte alle sue domande, ritrova molte delle persone che per anni aveva cercato e tutti i suoi affetti scomparsi.

In questo mondo parallelo, inizia a comprendere che forse aveva dimenticato una cosa fondamentale da fare nella sua Vita vera, di ricordarsi di se stessa! E proprio Qui, prova a cercare una via di fuga, desidera disperatamente di essere trovata. Si rende conto solo ora di come i suoi genitori e Gregory l’abbiano amata e aiutata a guarire.

Un romanzo che celebra il valore dell’amicizia, l’importanza dei legami famigliari, il dono di essere amati e di amare.

Lettura molto creativa e ricca di colpi di scena, consiglio vivamente questo libro.

Ora vi saluto, ma non prima di avervi ricordato che se se volete acquistarlo, questo è il link dove troverete questo e tanti altri.

Un abbraccio.

A presto Lettori!

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...